Seguici su

Giunti Psychometrics International

I Partner

  • TP
  • Busajo
  • Cretificato qualit�
  • Verisign
  • Banca sella
  • International Test Commission
  • ETPG
msceit

MSCEIT

Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

Autori: Antonella D’Amico, Antonietta Curci
HR
Qualifica richiesta
HR
Destinatari

Dai 17 anni in poi

Data di pubblicazione

2010

Somministrazione

30’ – 45’

Numero di item

141

Campione italiano

1176 soggetti, di cui 568 maschi e 608 femmine, di età compresa tra 17 e 83 anni (2008)

Curatori edizione italiana

Antonella D’Amico e Antonietta Curci


Per acquistare questo strumento scrivere a: talent@giuntipsy.com


94173Q - 10 Fascicoli
• Prodotto disponibile
€ 204,00
94174R - 50 Fogli di risposta
• Prodotto disponibile
€ 102,00 + IVA
95816T - MSCEIT - MANUALE
• Prodotto disponibile
€ 65,00
N00047 - MSCEIT - ADATTAMENTO ITALIANO
• Prodotto disponibile
€ 50,00

Il MSCEIT è una scala di abilità basata sulla performance, in grado di fornire una valutazione su come le persone svolgono compiti e risolvono problemi emotivi.
Secondo il modello proposto, basato sull’assunto che l’intelligenza emotiva sia un’abilità cognitiva, si individuano quattro ambiti di abilità:

  • percezione, valutazione ed espressione dell’emozione;
  • produzione e/o utilizzo dell’emozione per facilitare il pensiero;
  • comprensione delle emozioni, delle loro relazioni causali e delle combinazioni di stati emotivi;
  • regolazione e gestione delle emozioni per promuovere la crescita emotiva e intellettiva.

Per ognuno di questi ambiti, i soggetti sono chiamati a rispondere a stimoli non solo di tipo verbale, ma anche a identificare espressioni facciali o ad associare stati emotivi a paesaggi e disegni astratti.


STRUTTURA

Il MSCEIT è composto da 141 item suddivisi in otto compiti di intelligenza emotiva, raggruppati a coppie in quattro rami, che a loro volta sono riuniti in due aree, esperienziale e strategica.

Area esperienziale

Ramo 1: Percezione delle emozioni
- Compito A: Volti
- Compito E: Immagini

Ramo 2: Facilitazione del pensiero
- Compito B: Facilitazione
- Compito F: Sensazioni

Area strategica

Ramo 3: Comprensione delle emozioni
- Compito C: Cambiamenti
- Compito G: Miscele

Ramo 4: Gestione delle emozioni

- Compito D: Gestione emotiva
- Compito H: Relazioni emotive

Le varie scale e sottoscale contribuiscono a determinare un punteggio totale di intelligenza emotiva, formato dalla combinazione dei punteggi di area, ramo e compito.
A questi si aggiungono le misure supplementari degli indici di dispersione, di distorsione positiva-negativa e del tasso di omissioni, che forniscono un’informazione aggiuntiva per meglio comprendere i risultati e lo stile di risposta dell’intervistato.

SOFTWARE


Il rapporto interpretativo del MSCEIT offre un profilo ad ampio spettro dell’intelligenza emotiva della persona. Oltre alla forma numerica e grafica dei punteggi, è fornito un profilo narrativo dettagliato relativo alle abilità di comprendere e riconoscere le emozioni, percepirle, gestirle e elaborarle in modo strategico così da favorire i processi di pensiero e facilitare le strategie decisionali e di problem-solving. Infine, presenta delle linee guida di intervento orientate all’autoriflessione e all’autocomprensione dei processi emotivi.


CARATTERISTICHE CHIAVE

  • 20 anni di ricerche, applicazioni e perfezionamento del modello.
  • intelligenza emotiva come abilità cognitiva misurabile, non influenzata da differenze culturali.
  • valutazione della performance del soggetto in tutti gli ambiti dell’intelligenza emotiva.
  • applicabilità in un ampio spettro di contesti: aziendale, educativo, clinico, medico e di ricerca.
  • report interpretativo informatizzato.

È UTILE PER

L’intelligenza emotiva è un concetto relativamente nuovo che, costituendo potenzialmente una parte fondamentale della personalità, può avere implicazioni in una varietà di aspetti della vita.

Per tali ragioni, il MSCEIT può fornire informazioni utili in diversi settori – organizzativo, scolastico, clinico, di ricerca – ed essere usato in contesti organizzativi e di orientamento, all’interno di un più ampio processo di valutazione. I risultati ottenuti devono essere infatti considerati come importanti punti di partenza per migliorare le abilità dei soggetti e orientarli verso scelte professionali e di vita adeguate alle caratteristiche di ognuno, ma anche, in ambito organizzativo, per rendere il processo di selezione e reclutamento del personale più efficace o per valutare i livelli di funzionamento e di benessere dei lavoratori.